La Casa dei Giocattoli sul Tetto

 

 

 

Ciao Scheletrine e Scheletrini! In questa esplorazione vi porto in un luogo misterioso portatore di una storia molto triste ma anche molto dolce: La Casa dei Giocattoli sul Tetto.

 

La Casa dei Giocattoli sul Tetto

La Casa dei Giocattoli sul Tetto è una casa abbandonata nelle campagne del Pavese, non molto distante dall’ex Manicomio di Voghera, le cui porte e finestre sono state completamente murate, ma è possibile entrare da un buco sul retro.

Una volta dentro si sente subito un odore stantio mixando ad un’atmosfera tetra.

I giocattoli, i vestiti di taglia piccola e i quaderni sparsi qua e là fanno immediatamente capire che qui un tempo abitavano dei bambini.

 

Storia della Casa dei Giocattoli sul Tetto

La storia della Casa dei Giocattoli sul Tetto è molto triste: un uomo perse prima sua moglie e poi suo figlio ancora bambino e per far sì che quest’ultimo potesse giocare dal cielo mise dei giocattoli sul tetto (tuttora visibili e fotografabili).

Non potendo più sopportare il ricordo insito all’interno di quell’abitazione, decise di murarne tutti gli accessi e di trasferirsi altrove.

Secondo un’altra versione il bambino morì ammazzato, ma nessuno dei due racconti è verificabile.

Da quello che ho visto in cantina, ho potuto intuire che l’uomo di casa produceva vino.

Di fronte all’edificio è situato un rudere con un murales dedicato alla rockstar Marilyn Manson, che rende il tutto ancora più macabro.

 

 

Foto

Se volete vedere le foto de La Casa dei Giocattoli sul Tetto cliccate qui

 

 

Video

 

 

 

La Casa dei Giocattoli sul Tetto come entrare 

La Casa dei Giocattoli sul Tetto è un’esplorazione urbana molto facile e veloce: potete entrare da un muro situato sul retro per poi accedere ai piani superiori.

Vi sconsiglio invece di entrare nel rudere antistante perché è davvero molto pericolante.

 

Social Network

Seguitemi anche su:

Facebook

Gruppo Facebook URBEX 4 PASSION

Instagram

YouTube

Tik Tok

Onlyfans

Altri siti

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *