Palazzo Torti

 

 

Ciao Scheletrini e Scheletrine! In questa esplorazione vi porto a esplorare Palazzo Torti, una perla sita nel piacentino capace di sorprendere per via dei suoi meravigliosi affreschi.

 

Palazzo Torti

Palazzo Torti è il tipico esempio di villa rurale padana in stile risalente agli inizi del XX secolo e dall’esterno pare un’insulsa costruzione, ma una volta raggiunti il secondo e il terzo piano non si può fare a meno di ricredersi, perché sono presenti degli affreschi mozzafiato che ricoprono l’intera superficie dei locali.

Inoltre, grazie al mosaico situato sulla parte anteriore della porta di ingresso, si creano dei magnifici giochi di luce capaci di creare un’atmosfera romantica.

Una volta fuori dalla zona decorata, è possibile esplorare non solo la zona dedicata al magazzino (non sperate di trovare chissà cosa, anzi è pieno di rottami), ma anche la piccola cappella; anch’essa è una vera chicca, in quanto il soffitto pare un cielo stellato.

Purtroppo non sono riuscita a reperire la storia di questo posto, quindi quello che scrive passa al convento. Se avete delle informazioni, sono ben accette, così da potermi permettere di arricchire questo post.

 

Foto

Se volete vedere le foto cliccate qui

 

Link

 

Palazzo Torti come arrivare e come entrare

Palazzo Torti è sito a Lusurasco di Alseno (Piacenza) e per entrare è necessario scavalcare una rete posta sul retro.

Non c’è nulla da scavalcare, ma portate con voi delle forbici per tagliare i rovi (io mi sono punta con le ortiche).

Per quanto riguarda il parcheggio, consiglio di lasciare l’auto nella via accanto allo spaccio dei succhi di frutta, perché la strada sterrata è di passaggio ed è bene non attirare l’attenzione della gente del posto.

Se l’articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e diffondete il verbo della Maletita.

 

Social network

Seguitemi anche su:

Facebook

Gruppo Facebook URBEX 4 PASSION

Instagram

YouTube

Tik Tok

Onlyfans

Altri siti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest