Consonno Città Fantasma

Ciao Scheletrine e Scheletrini! In questa esplorazione vi porto in un luogo che avrete sicuramente sentito nominare oppure ci siete già stati, ossia Consonno Città Fantasma.

Poteva manca questa pietra miliare dell’urbex nel mio repertorio? Ovviamente no! Quindi prendetevi qualche minuto libero per leggere la storia.

 

Storia di Consonno

Consonno è una città abbandonata sita a pochi chilometri da Lecco, più precisamente nel Comune di Olginate.

Verso gli anni Sessanta, un imprenditore avviò l’ambizioso progetto di realizzare una specie di Las Vegas – Città dei Balocchi dall’architettura arabeggiante e a mio avviso molto, molto kitsch e grottesca.

Furono pertanto costruite diverse strutture, tra cui l’Hotel Plaza, ma una frana del 1976 isolò questa località, anche perché, al fine assicurare una miglior panoramica sul Resegone, fu spianata una collina.

Consonno fu pertanto abbandonata e presa d’assalto da vari rave party.

 

Cimitero di Consonno

Per chi non lo sapesse, a Consonno è presente un piccolo cimitero (non è abbandonato ed è chiuso da un lucchetto).

 

Trenino di Consonno

Ormai nascosto dalla rigogliosa vegetazione, a pochi passi dai resti dell’albergo, si trova la locomotiva del trenino panoramico di Consonno, il quale, quando era in funzione, trasportava i visitatori per il borgo.

Il giro aveva una durata di circa 20 minuti.

 

 

Minareto

Hanno rimosso la scala per raggiungere la cima del minareto e quando io e Nicola l’abbiamo scoperto ne è rimasto molto deluso, quindi se sperate di salire fin sopra, sappiate che vi va rovinosamente male.

 

Foto

Se volete vedere le foto cliccate qui.

 

Link

Consonno come entrare

L’ingresso a Consonno Città Fantasma è molto semplice, ma vi avviso che dovrete camminare per una buona mezz’ora.

Inoltre l’auto deve essere parcheggiata appena fuori, in quanto la strada per salire è sbarrata e possiedono le chiavi solo i cittadini autorizzati.

Per esplorarlo tutto occorrono almeno 4 ore, quindi armatevi di buona volontà e batterie di scorta della vostra fotocamera.

Se l’articolo vi è piaciuto, condividetelo sui vostri social e diffondete il verbo della Maletita.

 

Social Network

Seguitemi anche su:

Facebook

Gruppo Facebook URBEX 4 PASSION

Instagram

YouTube

Tik Tok

Altri siti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest